Il gioco d’azzardo ed il rapporto con le Regioni italiane

feb - 25 2021 | no comments | By

Tanto per cambiare, e per essere in linea con gli atteggiamenti tenuti nel passato recente da altre Autorità, le imprese del mondo dei giochi sono assolutamente escluse da un’iniziativa molto intelligente, proficua e di alto sostegno studiata e messa in campo dalla Regione Lombardia: territorio che però, da sempre, si è schierato “contro” il gioco d’azzardo. Anzi, apertamente schierata nel contrasto al gioco problematico, diretta ed incontrovertibile conseguenza secondo i lombardi, della frequentazione del gioco offerto e proposto special modo dalle “macchinette mangiasoldi”, chiamando così in modo estremamente affettuoso le apparecchiature (legali) da intrattenimento che propongono, quelle lecite, l’offerta di gioco dello Stato. Regione Lombardia, comunque, sempre attenta alle esigenze delle sue industrie nei diversi settori che cerca di seguire con suggerimenti interessanti, ma sopratutto praticabili ed interessanti, come quelli contenuti nel bando “Safe working – Io riapro sicuro” che sta riscuotendo proseliti: se non fosse che dalle aziende destinatarie ed eventuali protagoniste di questo bando vengono escluse totalmente le sale da gioco, lotterie, scommesse.

Quasi inevitabilmente la storia si ripete ed il mondo del gioco, compresi i siti per giocare al casino con la carta di credito, non solo è stato escluso quasi totalmente dalle risorse istituzionali emesse a favore delle industrie del nostro Paese, in tutti i settori, dai crediti “gentilmente offerti” dalle Banche e destinati sempre alle aziende in difficoltà in conseguenza della pandemìa, ma viene anche estromesso in modo chiaro ed inequivocabile anche da questo bando lombardo che sottopone un aiuto economico alle aziende che in questo periodo emergenziale si trovano in difficoltà nel tenere aperti i battenti. “Safe working – Io riapro sicuro” appare un’iniziativa oltre modo lodevole ad opera dell’Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Lombardia, portata a termine in collaborazione con il sistema camerale lombardo, che annovera come diretto responsabile del procedimento Unioncamere e comporta un investimento totale di circa 16 milioni di euro.

I destinatari di questa iniziativa sono tutte le piccole imprese che hanno dovuto sospendere la propria attività dai provvedimenti a seguito dell’emergenza sanitaria e che si trovano in difficoltà nella ripartenza, dato che i protocolli per poter riaprire i battenti sono a volte complicati e, comunque, costosi. E non solo: bisognerebbe anche considerare che potrebbe verificarsi, pur rischiando economicamente risorse per adeguare le attività alla nuova apertura, che tali risorse potrebbero non ottenere un ritorno economico, considerato che l’economia stenta a riprendere il suo ciclo normale. C’è ancora tanta incertezza, anche a livello sanitario purtroppo: la rinascita dei contagi ed il timore in tante persone nel circolare e riconquistare la “vecchia” quotidianità nonché la perplessità nell’affrontare il nuovo modo di vivere, senza dubbio condizionato dalle varie precauzioni suggerite dagli esperti, che stanno cambiando la vita di tutta la popolazione, ma che dovrebbero essere adottate a salvaguardia della salute di tutti.

Ma, in pratica, in cosa consiste questa iniziativa lombarda? La Regione Lombardia preso atto della situazione di crisi che quasi tutte le piccole imprese stanno affrontando, ha stanziato risorse a fondo perduto fino al 60% delle spese da sostenere per la riapertura relative alle piccole imprese: la percentuale sale al 70% per le micro imprese sino ad un massimo di 25 mila euro ed il costo per poter accedere al contributo è di 1.300 euro. Il numero delle domande ammesse e finanziate è di circa 635 per un totale di quasi 2,5 milioni di euro suddivisi per i vari territori: Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Cremona, Mantova, Milano, Monza-Brianza, Lodi, Pavia, Sondrio e Varese. L’intendimento di questo provvedimento è quello di sostenere tutta la rete industriale della Regione Lombardia, comprendendo tra gli altri il settore della moda, le strutture alberghiere e ricettive, le attività di intrattenimento, artistiche, le sale per i concerti. Le spese ammissibili previste nel bando “Safe working – Io riapro sicuro” sono quelle riguardanti macchinari per la sanificazione e disinfezione delle aziende, apparecchi per la purificazione dell’aria, interventi strutturali per il distanziamento sociale.

Le strutture temporanee ed arredi finalizzati appunto per il distanziamento sociale, sia all’interno che all’esterno dei locali delle attività, nonché l’acquisto di termo-scanner, strumenti ed attrezzature per l’igiene della clientela ed, ovviamente, l’acquisto di mascherine, guanti ed occhiali. Ma, come detto all’inizio, tutte le attività di gioco sono anche qui purtroppo escluse e dovranno arrangiarsi da sè, oppure non riaprire e licenziare i propri dipendenti, anche se questo sembra un atteggiamento veramente discriminatorio al quale, però, il mondo del gioco è abituato. Indubbiamente, si offre una grande opportunità per le imprese lombarde: si sta anche cercando di rendere ancora più accessibile l’adesione all’iniziativa in modo che il numero delle aziende che ne potranno usufruire possa aumentare prima che il bando si chiuda. Così si vorrebbe consentire alla maggior parte degli imprenditori di riprendere le proprie attività sul territorio in piena sicurezza ed aderendo ai protocolli richiesti dalle istituzioni con un contributo tangibile da parte del sistema camerale lombardo.

Non si può fare a meno di sottolineare, però, che se il provvedimento emesso dalla Regione Lombardia da un lato è assolutamente apprezzabile e bisogna riconoscerne la positività, dall’altro non ci si può esimere dal considerare quanto sia deprimente per tutta la filiera del gioco rendersi conto di essere stata “praticamente esclusa” da qualsiasi sostegno regionale: e pensare che il gioco pubblico, nel frangente emergenziale, ha cercato di fare “tutto da solo”, riaprire le proprie attività con le risorse personali e, sopratutto, ove sia stato possibile non ha licenziato i propri lavoratori. E di certo non con l’aiuto dello Stato centrale che, invece, dovrebbe tenere bene in conto il lavoro che è un diritto che ogni cittadino dovrebbe vedere difeso. Difesa che non è stata senza dubbio sostenuta, almeno nella maggior parte dei casi, dalle risorse istituzionali, visto che c’è ancora qualcuno che aspetta la cassa integrazione dal mese di marzo scorso e che se non avesse avuto il proprio titolare che ha “pagato lo stipendio di tasca sua” non avrebbe potuto provvedere al mantenimento della propria famiglia. Ed in quel caso dove si colloca la Regione o lo Stato centrale? Sono lavoratori che forse stati ospitati a casa delle istituzioni?

Il Governo non ha ancora deciso sul gioco d’azzardo legale

feb - 25 2021 | no comments | By

Durante la pandemìa la difesa del mondo dei giochi da parte di chi scrive è davvero totale, appassionata, a volte anche cattiva nei confronti del Premier e della sua ostinata quanto “irresponsabile” valutazione circa il rischio delle attività ludiche considerato medio/alto che ha portato la conseguenza, ancora viva e vegeta, della completa chiusura delle attività di gioco. Tuttora, il territorio da nord a sud dello Stivale si trova senza gioco, ma sinceramente non è l’unica cosa che manca, special modo in questo periodo natalizio dove tutti avremmo desiderato vivere in altra atmosfera visto che le tradizioni sono ultime a morire, persino di fronte alla pandemìa. Infatti, la popolazione è alla ricerca del “suo vecchio Natale” e non di quello “mascherato” di oggi, del distanziamento, completato dalla lontananza dagli amici che di consuetudini allietano le festività di ognuno. E nonostante questi desideri repressi di tutti gli italiani, è giocoforza affrontare il periodo natalizio con estrema attenzione per evitare di continuare a fare una vita così condizionata ed in ostaggio di un nemico subdolo, severo, improvviso che ha tolto persino il divertimento e l’intrattenimento dal nostro quotidiano.

In effetti, il gioco pubblico è sparito da tutto il territorio ed ha lasciato spazio a quello online che, però, non è la stessa cosa del gioco terrestre, ma sparizione che sconvolge la vita commerciale di tanti operatori e di tanti lavoratori del settore. Quello che turba maggiormente gli addetti ai lavori del gioco, a prescindere da questa chiusura continuata ed assurda che comporta in ogni caso a non avere fatturato da troppi mesi, è la discriminazione e la disparità di trattamento che viene imposta ai giochi. Ogni giorno diventa sempre più evidente come è sempre più palese che il Governo centrale non abbia proprio voluto decidere il vero destino di questo settore: e sicuramente non è la prima volta. Disparità che è più che evidente se si considera che tanti esercizi aperti risultano più rischiosi dei punti del gioco laddove, invece, non si è ancora verificato alcun focolaio di contagio. Ma questo sembra non interessare il Premier che non ha avuto neppure la decenza di ascoltare le richieste delle associazioni di categoria.

Cosa che, forse, sarà costretto a fare in relazione ad una recentissima serie di istanze che gli sono state inoltrate per sottolineare che tante imprese di gioco ritengono le decisioni che sono state assunte per il gioco illegittime. Si vedrà, quindi, se anche in questo caso non si vorrà decidere, oppure se in questa occasione queste “Riserve di Stato” ribelli risulteranno degne di una risposta istituzionale, considerando che per bar, ristoranti ed altri locali si continua a parlare di orari di apertura e di restrizioni: il gioco pubblico, e tutti i giochi d’azzardo che puoi trovare nei migliori casino online, rimane chiuso “senza se e senza ma” e non serve discuterne, neppure con una limitazione di orario o di qualcos’altro. Si chiudono migliaia di attività che non si sa se alla ripartenza dell’economia vi saranno delle imprese superstiti che riusciranno a bypassare questo periodo emergenziale. Solo questo atteggiamento del Governo centrale potrebbe tradursi palesemente in discriminazione.

Cosa che fa anche riflettere sul perché il principio che si applica in altri settori nel tenere in considerazione “il colore” dei vari territori per le aperture delle attività commerciali non viene, di fatto, preso in considerazione per il mondo dei giochi. Quindi, indipendentemente che si sia in zona gialla, arancione o rossa il gioco viene chiuso, ovviamente quello fisico, mentre rimane (per fortuna) aperto il gioco online o quello delle Lotterie (dello scontrino) od ancora quello illegale che funziona sempre h/24 anche sul territorio oltre che online. Questo agli addetti ai lavori appare ingiusto, intollerabile, ipocrita e giustifica quella presa di posizione di tanti operatori che hanno presentato le istanze di revoca della decisione di chiusura delle attività di gioco ritenendola illegittima ed assolutamente non giustificata. Si vedrà a questo punto se la ferrea “non decisione” del Governo centrale sul gioco perdurerà ancora: così insieme alla ripresa della risalita della curva dei contagi ci si dovrà occupare anche del problema del gioco per mettere sotto ulteriore pressione l’attuale Esecutivo che sembra preso di mira da tutte le parti e da qualsiasi settore.

Sono tutti scontenti dei provvedimenti che mano a mano sono stati pubblicati, delle decisioni assunte relativamente ai ristori od alle risorse, della cassa integrazione e di quant’altro sembrerebbe stato deciso dal Premier. Tanto per cambiare il gioco pubblico si trova sempre nella stessa condizione di combattere per “sopravvivere” e non sa più cosa inventarsi per tornare ad essere quel settore del gioco importante e considerato dai vari Esecutivi che si sono succeduti e che per anni si sono rivolti alle sue “corpose risorse” per la quadratura dei bilanci dello Stato. E non accadeva poi tanti anni fa: quando il settore con tutte le sue innumerevoli imprese era la terza economia del Paese: ma forse il Governo centrale non avrebbe bisogno ancora dell’aiuto del gioco per affrontare una ripartenza che non si presenza facile nella sua realizzazione?

Infatti, ha pensato alla Lotteria degli Scontrini per “raggranellare” risorse che oggi sono senza dubbio indispensabili per poter ripartire e fare in modo di poter sostenere, anche se in modi abbastanza astrusi e molto complicati da raggiungere, un numero considerevole di imprese costrette alla chiusura per la pandemìa. Ma, ovviamente, non a quelle del gioco pubblico se non in ridicola parte e con importi infinitesimali che non risolvono alcun problema. D’altra parte, la gestione della pandemìa nel nostro Paese continua a creare scontento, discussioni, critiche numerose proprio in relazione alla disciplina delle chiusure che a volte appare incoerente e “bizzarra”. Come appare bizzarro continuare a cambiare idea sull’apertura e sulle chiusure: sulla decisione dei settori che possono aprire i battenti e come lo devono fare. Insomma, si può certamente affermare che vi sono comparti come la ristorazione che non riesce ad organizzarsi ed a comprendere cosa si dovrà fare il giorno dopo: magari ci si preoccupa di fare approvvigionamenti perché si pensa all’apertura che dopo viene sospesa inaspettatamente e senza preavviso.

Gioco terrestre e gioco d’azzardo online si stringono insieme

feb - 25 2021 | no comments | By

Durante i due lockdown di questo benedetto 2020 tante volte si è voluto sottolineare che il gioco online ha fatto la parte del “leone” vista la chiusura di tutto il gioco terrestre e la poca movimentazione dei cittadini che hanno ancora timore a spostarsi ed anche a divertirsi, eventualmente recandosi presso i punti di gioco, sono coloro che non sanno come scegliere il casino online migliore per giocare, per quel poco che hanno potuto tenere le saracinesche alzate! Era inevitabile che i lunghi periodi passati in “detenzione domiciliare” e la poca mobilità abbiano cambiato il modo di divertirsi delle persone, anche di quei cittadini giocatori che non avevano mai affrontato il gioco online essendo affezionati al gioco fisico che pare dia sensazioni diverse e particolari ai suoi frequentatori. Ovviamente, si è dovuto fare di necessità virtù e tanti giocatori piano piano si sono gettati sul gioco online anche perché sinceramente quest’ultimo ha provveduto, furbescamente, a rendersi molto più appetibile allargando le proprie offerte rendendosi accattivante e coinvolgente.

Da tutto questo, quindi, è discesa a cascata una serie di considerazioni in previsione della ripartenza economica, dopo la prossima metà di gennaio, del nuovo Sistema Italia ivi compresa la ripresa del mondo dei giochi, o di quelle imprese che riusciranno a restare aperte dopo questa esperienza pandemica che è riuscita ad azzerare le riserve economiche di tanti operatori. Prima di tutto, si deve intravedere la convergenza dei due comparti del gioco verso un gioco sostenibile e responsabile: è un unico e solo obbiettivo che gli addetti ai lavori del settore ludico devono cercare di raggiungere per poter offrire un gioco nuovo, dopo la pandemìa, ad un nuovo popolo di giocatori che è cambiato profondamente a seguito di questa esperienza che ha segnato tutti: sia il giocatore normale, che le imprese di gioco che hanno dovuto “subire” pesanti limitazioni, che hanno ricevuto veramente poco sostegno dallo Stato centrale e che hanno fronteggiato questo bisestile 2020 con le proprie forze economiche per sostenere la propria impresa e mantenere il posto di lavoro ai dipendenti.

Non tutti sono riusciti in questo intento, ma la maggior parte ha dimostrato tanta determinazione e tanto amore per le proprie aziende, sentimenti che hanno contribuito senza ombra di dubbio a portare avanti la vita delle attività. Ma, in ogni caso, come tutti i mercati cambieranno (come continuano a ripeterci) e nulla sarà come prima, anche il mondo del gioco sta cambiando e cambierà: quindi, gli operatori si devono preparare a questo grande passo che potrebbe portarli finalmente verso il gioco sostenibile e responsabile conducendo entrambi i suoi segmenti, terrestre ed online, verso questi obbiettivi ormai divenuti imprescindibili per un gioco d’azzardo attuale, innovativo, sicuro e divertente. Ma, sopratutto, un settore che avrebbe tutto il diritto di essere presente nel sociale senza più discriminazioni inutili ed ipocrite. Per quanto riguarda la sostenibilità del gioco, ma non solo per quello nazionale, l’attenzione viene posta in relazione all’introduzione di nuovi strumenti di gioco responsabile, sul monitoraggio del fenomeno del disturbo da gioco d’azzardo e sulla valorizzazione estremamente importante dell’informazione al giocatore.

É sin troppo evidente che uno degli obbiettivi sia quello di fare prevenzione in modo tempestivo ed individuare i comportamenti deviati del giocatore: questo dovrebbe essere compito dell’informazione che è un pilastro del progetto di raggiungere la sostenibilità del gioco in quanto è comprensibile che una corretta informazione sulla cultura del gioco, compresi i siti italiani per giocare al bingo online, e della rete legale può proteggere dallo sviluppo di patologie ed anche dal contatto con siti online, oppure con punti di vendita illegali anche inconsapevolmente. La comunicazione rappresenta, si è ripetuto allo sfinimento al momento dell’emissione del provvedimento di divieto totale della pubblicità ai giochi ed alle scommesse, una fonte di informazione indispensabile per i giocatore che gli consente di fare scelte di gioco consapevoli e non solo. Infatti, solo con la comunicazione si potrebbero effettuare paragoni tra le varie offerte, ma anche di conoscere meglio le diverse caratteristiche dei prodotti che “si vogliono frequentare” per intrattenersi e divertirsi.

L’entrata in vigore del Decreto Dignità, e del pedissequo divieto, ha proibito (si direbbe purtroppo) la comunicazione per il gioco pubblico ed anche qualsiasi promozione dei giochi, ha eliminato tutto il marketing che poteva far conoscere i diversi operatori ed i loro prodotti. Però, non bisognerebbe dimenticare che il marketing responsabile, è uno strumento molto apprezzato dagli utilizzatori perché aiuta, e non è soltanto il parere di chi scrive, a migliorare la conoscenza ed aumenta la fiducia tra operatore e consumatore. Purtroppo, ancora oggi, nonostante il gioco pubblico, sia legale ed una “Riserva di Stato” che un tempo significava indubbiamente “qualcosa di particolare al quale affidarsi”, è un settore molto controverso ed è costretto a subire discriminazioni dalle quali discendono i problemi sulla sua reputazione, ancora irrisolti, e che lo accompagnano nelle considerazioni dell’opinione pubblica e della politica. Non si può nascondere che un certo schieramento, facente parte dell’attuale Esecutivo, ne ha fatto un cavallo di battaglia sottolineando che il gioco d’azzardo (seppur lecito) è “immorale e si approfitta delle debolezze altrui”…

Però, non si può evitare di pensare che la pandemìa ha fatto il “miracolo” di accomunare i due comparti del gioco, il mondo fisico e quello online ed ha anche sottolineato l’interconnessione tra queste due realtà. Infatti, il maggiore tempo che gli affezionati del gioco sono stati costretti a passare a casa ha reso le esperienze online più frequenti e “fluide”: sopratutto per chi abituato con il gioco fisico con vincita in danaro ed obbligato a starne lontano, ha dovuto convogliare il proprio “affetto ludico” verso l’online, così come sono cresciuti sempre per lo stesso motivo, anche gli acquisti online per la “spesa corrente”. Ma “ci piace” prevedere che per il futuro non si potrà mai arrivare alla completa sostituzione del gioco terrestre con quello online: infatti, appena il gioco fisico ha avuto la possibilità di riaprire i battenti la scelta dei giocatori si è convogliata verso il terrestre che offre un’esperienza ed una socialità differente dall’online. Esperienza che si potrebbe definire unica con delle caratteristiche peculiari, da non poter abbandonare.

Si giocherà d’azzardo anche con il pos

set - 14 2014 | no comments | By

Non bastano evidentemente tasse, balzelli, orpelli finanziari di ogni genere, spunta ora il POS per i tabaccai-ricevitori che raccolgono il gioco lecito. Il Sindacato di settore -Cisl- si è subito attivato per chiarire cosa fare in merito “al possibile obbligo” di dotarsi di POS: non risulta associata alcuna sanzione a carico degli esercenti che non si dovessero predisporre della necessaria strumentazione a garanzia dei pagamenti effettuabili con la moneta elettronica. Non si può quindi parlare di un “obbligo”, ma di un “ulteriore regalo al sistema bancario” invece sì, con spesa a carico delle già precarie attività di gioco. Il campo di applicazione del POS sarebbe limitato solo ai casi in cui i clienti richiedano la forma di pagamento tramite carta di credito/debito. Quindi, solo una spesa per il gestore, un regalo come detto al sistema bancario ed un danno per le attività che, per il lavoro svolto come “esattori per conto dello Stato”, vengono “retribuite” con le cosiddette “provvigioni bulgare”.

Le Banche guadagneranno invece sulle commissioni relative alle transazioni ed i canoni di locazione dei POS, mentre i raccoglitori di gioco dovranno “gioco forza” farsi carico di ulteriori costi aggiuntivi, mentre in questo momento possono operare con bonifici od assegni che, al contrario delle carte di credito/debito non hanno alcun costo di gestione che grava sulle loro spalle. Per il settore del gioco non c’è più nulla da aggiungere, purtroppo, non c’è giorno che non vi sia qualcosa “di negativo” da affibbiare al settore già così compromesso.

Aumentare la tassazione sul settore del gioco d’azzardo

apr - 09 2014 | no comments | By

Si parla da tanto di questa “richiesta” effettuata da alcuni schieramenti politici, ma sinceramente si crede che già le tasse imposte al mondo del gioco d’azzardo lecito siano “congrue” ed un suo innalzamento potrebbe portare solo “scompensi” al settore che in questi ultimi anni ha subito “ristrettezze lavorative” e normative difficili da seguire e quindi ha sofferto parecchio la crisi commerciale ed economica. A questo riguardo, l’arrivo di Matteo Renzi a Palazzo Chigi e, quindi l’esperienza che lo stesso ha acquisito nella gestione del territorio nella sua “vecchia” qualità di Sindaco, potrà essere senz’altro un arricchimento nuovo nell’affrontare questo delicato tema anche sulla logica dell’attenzione al territorio. Inasprire ulteriormente la tassazione sul gioco sarebbe assolutamente sbagliato mentre ci si dovrebbe concentrare su di un’opera di razionalizzazione ed armonizzazione delle stesse dato che nel settore vi sono prelievi fiscali diversi.

Con la delega si potrebbe mettere mano al mondo del gioco in modo serio sapendo che nella razionalizzazione non bisogna assolutamente esagerare con l’innalzamento della tassazione: infatti nella stessa delega non si prevede alcun aumento della pressione fiscale, ma piuttosto si prevede di creare le condizioni per l’armonizzazione al suo interno di cui c’è assoluta necessità, ed anche urgente: a tale proposito bisogna sempre ricordare “l’avanzare” molto evidente dell’illegalità non soggetta certamente a tassazioni ed orpelli diversi. E’ indispensabile salvaguardare il territorio dall’ingresso del gioco illecito e tutelare le imprese e gli operatori che operano invece in modo legale nel settore impiegando sforzi notevoli a livello economico e professionale.

Calo nel gioco d’azzardo e nei casino online

dic - 30 2013 | no comments | By

Segnali di crisi profonda per il gioco lecito, altro che aumento delle giocate e maggiore interesse per il gioco d’azzardo!

Nel 2013 gli italiani hanno “investito” nel gioco molto meno del 2012: lo sfidare la Dea Bendata quest’anno ha prodotto una raccolta complessiva che dovrebbe sfiorare gli 85,5 miliardi di euro. Circa 2 miliardi in meno relativamente all’anno precedente: se il trend del trimestre corrente dovesse continuare, la spesa effettiva degli italiani in prodotti di gioco sarà di circa 700 milioni in meno -quindi il-4%- scendendo a circa 16,7 miliardi di euro, ma con 69 miliardi circa “rientrati” nelle tasche dei giocatori con le vincite raggiunte. Ovviamente, oltre ai ricavi del comparto è inevitabile che anche le entrate erariali si sono contratte di circa 150 milioni di euro rispetto al 2012, povero Erario!

Questo è senza dubbio il segno evidente che la disponibilità economica dei consumatori è diminuita ma è anche un segnale che il mercato, dopo il boom estremamente notevole degli scorsi anni, si è saturato anche per la riemersione della rete di mercato illegale. Fino agli anni scorsi, in realtà, i giocatori avevano spostato verso i siti legali le loro risorse abbandonando “di sana pianta” il mercato illegale, ma tutte le restrizioni “dislocative” per le sale da gioco, gli aumenti continui della tassazione, le campagne “denigratorie” hanno allontanato una buona parte degli utenti dai siti leciti e dalle sale da gioco che diventa sempre più complicato raggiungere. In calo le lotterie, il bingo e le slot: sì le famigerate slot che tanto hanno fatto parlare di sé sono in calo assoluto!

Gioca d’azzardo in maniera semplice su unibet casino online

nov - 09 2013 | no comments | By

Alcune piattaforme scelgono la strada difficile e complicata per accattivare l’attenzione del giocatore. Invece Unibet Casino mette a disposizione degli utenti la semplicità. Tanti giochi che possano accontentare gli appassionati dei giochi da casinò e sopratutto mette a disposizione del giocatore la sicurezza dei giochi coperti dalla licenza AAMS.

Come tutte le altre piattaforme anche Unibet Casino mette a disposizione degli utenti una varietà di giochi sia tradizionali che all’avanguardia: quando la scelta del giocatore ricade su questa piattaforma potrà giocare tutto ciò che vi piace con tranquillità e sicurezza ed avrete la sensazione di essere all’interno di un vero casinò.

I bonus offerti da Unibet Casino che sono di 100 euro sul vostro primo deposito vanno sfruttati appieno per darvi la possibilità di divertirvi e scatenare la vostra fantasia verso quei giochi che più vi piacciono. Quindi anche Unibet Casino vi da la possibilità di sfruttarli al meglio cercando di entrare nelle varie strategie di gioco.

La copertura della licenza AAMS da al giocatore di Unibet Casino la tranquillità di restare a casa propria e di poter giocare ai propri tavoli preferiti con la serenità di divertirsi e nulla rischiare. Poi la vasta gamma di giochi, le musiche e le grafiche fanno il contorno alla vostra fantasia per farvi sentire all’interno di un casinò reale.

Migliori siti di casino online italiani legali

nov - 09 2013 | no comments | By

I Casino online italiani sono dei contesti molto amati da parte di coloro che vanno alla ricerca continua di intrattenimento sulla rete senza disdegnare la possibilità conseguire qualche buona vincita in denaro. L’offerta giochi è molto vasta ed voluta dal punto di vista tecnologico, proprio per garantire un’esperienza unica agli appassionati al gioco italiani. Nei prossimi paragrafi, proveremo ad indicare le principali caratteristiche dei migliori casino online italiani.

 

L’offerta dei Casino online italiani

 

Nei casino online italiani, gli utenti troveranno tante forme di intrattenimento, molto evoluti dal punto di vista tecnologico, tutte dotate di una componente grafica e da effetti sonori che faranno sentire il giocatore in una vera sala da gioco regalando le medesime emozioni.

Gli amanti dei giochi tradizionali troveranno tante versioni della Roulette online, Blackjack, Baccarat, oltre che tante varianti del poker online, come il Poker Caraibico, il Poker Texano, lo Stud Poker, il Casinò Hold’em, il Tequila Poker e tanti altri. Ad un’offerta così esauriente dei tavoli da gioco, si aggiungono anche tante forme di intrattenimento del casino moderno, come i videopoker online e le slot machine dai titoli molto fantasiose, colorate, e con Jackpot progressivi il cui valore tende ad aumentare in modo proporzionale al volume di puntate generato dagli utenti.

Gli amanti del gioco dal vivo avranno la possibilità di interagire nelle sezioni allestite appositamente dai casino online Aams live, per consentire di scommettere ai tavoli della Roulette online, Blackjack, Baccarat gestiti da bellissime croupier con le quali ci si collega per mezzo di una webcam e si comunica grazie all’utilizzo di un servizio di live chat che può essere impiegato anche per comunicare, durante lo svolgimento delle gioco, con gli altri giocatori che interagiscono nello stesso tavolo. I giochi principali possono essere praticati anche accedendo alla modalità di gioco con soldi virtuali che consente di divertirsi senza rischiare di subire perdite. Gli utenti, che hanno l’esigenza di provare a giocare subito con soldi veri, possono cogliere al volo una delle tante promozioni con cui viene erogato il bonus di benvenuto del 100% sul primo deposito che consente di ottenere il proprio delle somme depositate sul conto di gioco, facendo incrementare, notevolmente, anche le probabilità di portare a casa delle buone vincite in denaro.

 

 

Gli utenti che sono in possesso di un dispositivo mobile utilizzato per la navigazione sul Web hanno la possibilità di interagire anche quando sono in movimento per scommettere con soldi veri o soldi finti a tanti casino games in versione mobile. In alcuni casi, non vi è la necessità di eseguire il download delle applicazioni Web che possono essere scaricate, gratuitamente, dalla sezione del casino on-line Aams dedicata ai servizi di gioco in versione mobile. In altri casi, invece, vi è l’occasione di interagire direttamente dal browser Web impiegato per la navigazione ad Internet per avere una accesso ai servizi di gioco che caratterizzano i casino on-line Aams mobile. Oltre ai soliti Roulette, Blackjack, Baccarat, tale versione del casino on-line offre la possibilità di giocare al videopoker “Jacks or Better” e a tanti titoli di slot-machine on-line, tutti molto fantasiose avvincenti e che promettono delle vincite importanti grazie alla presenza degli ottimi jackpot progressivi.

I migliori casino online neteller per giocare e vincere

nov - 09 2013 | no comments | By

I casino on-line Aams, al fine di venire incontro alle esigenze degli utenti, che hanno la necessità di utilizzare dei mezzi di pagamento sicuri, veloci, facili da utilizzare e con costi di gestione alla portata di tutte le tasche, mettono a disposizione i migliori strumenti in circolazione. Infatti, se si visita la sezione dedicata alle modalità di pagamento, si avrà la possibilità di prendere visione di una serie metodi che possono essere utilizzati per ricaricare conto di gioco casino on-line Aams o per effettuare il prelevamento delle vincite conseguite, come le carte di credito dei principali circuiti finanziari (MasterCard, Visa, Visa Electron, American Express, eccetera), ma anche tanti conti on-line e portafogli virtuali molto popolari sulla rete, come PayPal, Moneybookers e Neteller. Proprio di quest’ultimo metodo di pagamento, nei prossimi paragrafi, proveremo ad indicare le sue principali caratteristiche.

 

 

Neteller e un portafoglio virtuale è stato introdotto sul mercato nel 1999, dando la possibilità agli utenti di utilizzare soprattutto per effettuare delle transazioni in quei negozi on-line che non accettavano alcune carte di credito o carte prepagate. Infatti, per entrare in possesso di un conto on-line Neteller, non bisogna fare altro che eseguire in modo del tutto gratuito la registrazione sul suo sito Web ufficiale. Non bisogna dimenticare che, necessariamente, si deve collegare la carta di credito appartenente ad uno dei principali circuiti finanziari in circolazione (come, MasterCard, Visa, Visa Electron, American Express, eccetera in favore). Con tale metodo di pagamento, i fondi vengono trasferiti in modo del tutto protetto, impiegando l’indirizzo di posta elettronica usato al momento della registrazione di un account sul sito di questo conto on-line. Il sistema su cui si fonda Neteller protegge i soldi contenuti nel conto. L’ utente, infatti, nel momento in cui effettua la registrazione, deve inviare anche una copia di un valido documento di identità in utenza intestata alla sua persona e, dopo aver effettuato delle verifiche di identificazione, Neteller invia una password e il nome utente che vanno custodite. Se l’accesso avviene da un indirizzo IP diverso da quello impiegato, al momento della registrazione di un conto on-line, Neteller provvede a sospendere le attività fino a quando non verrà accertata l’identità della persona che sta utilizzando questo metodo di pagamento. La facilità di utilizzo di questa modalità di pagamento consente anche gli utenti, che non hanno dimestichezza con i pagamenti elettronici di operare subito con pochi clic dal proprio conto on-line. I trasferimenti vengono effettuati, in maniera immediata, consentendo al giocatore di entrare immediatamente in possesso delle risorse utili per scommettere ai casino games. Per quanto concerne la gestione economica di questo metodo di pagamento, bisogna dire che per effettuare delle transazioni utili per ricaricare il conto di gioco, viene applicata una tariffa pari all’1% sull’intero importo oggetto di trasferimento. Infine, è possibile acquistare dal sito ufficiale di questo conto on-line anche la carta prepagata Neteller emessa dal circuito finanziario MasterCard e di far si che i soldi contenuti nel conto on-line possono essere utilizzate per eseguire delle transazioni nel modo tradizionale acquistando di beni e/o servizi presso tutti i negozi convenzionati.

Le migliori slot machine di tutti i casino online legali

nov - 09 2013 | no comments | By

Le Slot Machine online sono delle forme di intrattenimento che, in questo momento, stanno contribuendo in maniera preponderante alla produzione del fatturato complessivo che si registra sul mercato dei servizi per l’intrattenimento sulla rete italiano regolato dalle norme dettate dall’ Aams. Nei prossimi paragrafi, ci occuperemo di mettere in evidenza le principali caratteristiche del mondo delle Slot Machine online Aams.

 

 

 

Le Slot Machine online Aams sono molto affidabili, in quanto i software che determinano i risultati di gioco sono controllati continuamente dal Monopolio Italiano, il quale si accerta che le combinazioni vengano realizzate in modo del tutto casuale senza alcun intervento esterno da parte della società concessionaria. Pertanto, le possibilità di vincita sono reali e anche tante.

Le percentuali di vincita, al fine di garantire la ridistribuzione di buona parte della raccolta che deriva dal volume di scommesse effettuate dagli utenti registrati nelle piattaforme di gioco, non possono mai scendere sotto il 90%. In questo modo, si assicura che buona parte delle risorse raccolte ritornino nelle tasche degli scommettitori sotto forma di vincite che dovranno verificarsi in maniera molto frequente. Ogni vincita viene resa nota dalla società di gambling al Monopolio di Stato mediante l’invio di appositi report, dove vengono indicate tutte le somme erogate in favore degli utenti che sono risultati vincitori.

Per quanto concerne la struttura tecnica di ogni singola macchinetta, possiamo dire che sono ormai lontani i tempi delle vecchie Slot da bar, in quanto ogni video Slot online presenta delle caratteristiche molto avanzate sul piano tecnologico. La sua struttura caratterizzata dalla presenza di cinque rulli e di diverse linee di pagamento che possono arrivare fino a 50 su cui gli utenti possono piazzare le proprie puntate. Le impostazioni di gioco sono accessibili anche coloro che non hanno molta dimestichezza con i giochi elettronici di ultima generazione. Ogni macchinetta, al suo interno, presenta una tabella dei pagamenti dove sono indicate le immagini e i simboli che possono essere combinati tra di loro, le combinazioni vincenti e gli importi corrispondenti che si possono incassare. Se si desidera, è possibile giocare anche modalità automatica,una volta stabilito il numero di giri da effettuare utilizzando tale funzione di gioco. Le puntate sono alla portata di tutti perché, spesso e volentieri, se viene selezionato soltanto una linea di pagamento, è possibile piazzare una scommessa minima di appena € 0,05 per ciascuna partita. I titoli sono offerti dalle aziende più importanti del mercato del gambling internazionale, come Playtech, Microgaming, Netent e tanti altri. Sono tante anche le risorse di gioco che possono essere impiegate per cumulare delle vincite durante le sessioni, come i simboli wild, Scatter, i giri gratis con moltiplicatori di vincita, il gioco bonus e delle funzioni speciali con cui è possibile raddoppiare il valore delle vincite incassate durante il gioco principale. Il contesto di gioco viene reso ancora più allettante dal Jackpot Progressivo il cui valore tende ad incrementare nel tempo per effetto dell’aumento del volume di scommesse che complessivamente viene generato dagli utenti quando giocano con una determinata Slot online.